Skip to content Skip to sidebar Skip to footer
Una scrivania, un computer e la statuetta "Umarell" per chi sceglie di lavorare da casa

Come lavorare da casa nel settore turistico

Muta il mondo del lavoro e nascono nuove possibilità: alcuni esempi che mostrano come tenersi al passo coi tempi senza orari d'ufficio. Due "mansioni digitali" per il turismo 

«Il mondo del lavoro sta cambiando». «Oggi è anche possibile lavorare da casa». Quante volte abbiamo captato espressioni di questo tipo? Forse, però, con un po' più di coraggio, dovremmo compiere un passo ulteriore e discutere di alcuni chiari segnali, caso per caso. Possiamo così constatare che la strada per il cambiamento di questo mondo sia ormai tracciata, e quindi provare a occuparci di alcuni dettagli, tutt'altro che marginali. Oggi, c'è chi cerca un secondo lavoro da affiancare al primo, esistono infatti tanti freelance e si moltiplicano i sistemi di smart working aziendale. Ecco perché ho pensato di approfondire questo tema e di parlarvi di come sia possibile lavorare da casa occupandosi di turismo. 
privacy navigazione degli turisti digitali giuseppe naccarato facebook google

La raccolta dei dati migliora la navigazione dei turisti digitali?

  Sono trascorse poco più di tre settimane dall'esplosione del caso Facebook-Cambridge Analytica (per un ripasso, qui trovate un sunto della questione spiegata bene). Il Guardian e il New York Times hanno pubblicato una serie di articoli capaci di far saltare il banco: i temi caldi riguardano l'utilizzo improprio dei dati sensibili e la privacy degli utenti sui social. Ma sappiate che non tutta l'analisi dei dati ha fini malevoli. Quindi, prima di raccontarvi come la raccolta dei dati migliora la navigazione dei turisti digitali, proviamo a vedere perché sia in corso una sorta demonizzazione di questo settore di ricerca. 

Edicole, librerie e agenzie di viaggi: un destino digitale?

  Alcuni di voi già lo sanno: viaggio spesso... per lavoro. Purtroppo mi capita molto meno per piacere. E, come succede a tanti altri, mi ritrovo coinvolto (più o meno consapevolmente) in discussioni di ogni tipo: quando non si tratta di politica - aaarg! - uno degli argomenti in cui sono più stimolato riguarda il futuro di edicole, librerie, agenzie di viaggi... cioè, mi si chiede spesso se in casi di questo tipo si può già parlare di un irreversibile destino digitale. In una parola, mi si interpella sulla sorte di quei luoghi che, fino a poco tempo fa, offrivano un servizio locale indispensabile, cioè rispondevano a dei bisogni immediati, e di persone di ogni tipo.
Turismo, come il web può aiutare borghi e piccoli centri

Turismo, come il web può aiutare borghi e piccoli centri

Nelle ultime settimane ho visitato alcune destinazioni turistiche minori del Sud Italia e partecipato a diversi eventi di settore, nazionali e internazionali, finalizzati a facilitare l'incontro tra domanda e offerta. Giornate animate da incontri con operatori della stessa tipologia, ma relativi a destinazioni diverse per dimensioni e caratteristiche (sociali, culturali, economiche, tecnologiche, ecc.).
Giuseppe Naccarato - Blog

“È facile, è veloce e fai tanti soldi”: StartUp e falsi miti

Stamattina ho approfittato del cattivo tempo per completare la lettura dell'ennesimo libro dedicato alle startup. Precisamente ne ho letti 13, in poco più di un anno. Forse non lo rifarei. Rileggerei soltanto qualche testo che ha contribuito a mantenere alta la motivazione. Motivazione che deve essere ai massimi livelli soprattutto quando i piedi poggiano sul terreno dell'altra normalità.

Il Blog di Giuseppe Naccarato

3 consigli per non chiudere la tua azienda dopo due anni

Avviare un'azienda è sempre complicato. Può trattarsi di un sito, di un'app, di una pizzeria, di un bar. Il livello di difficoltà non cambia. Un mio amico ripete sempre "Nulla è semplice". E ha ragione, soprattutto nel business. Servono i soldi per partire, la passione, le persone per creare un team vincente, il prodotto / servizio, il mercato, la fortuna e altro. Se è vero che le difficoltà sono analoghe per tutti i neo imprenditori, i modelli di business e di sviluppo delle aziende variano molto da settore in settore.

Se decidi di aprire una pizzeria, il giorno stesso in cui apri cominci a staccare scontrini e fatture. Questa cosa non avviene con un sito o con un'app. Al di là dei motivi, nel primo caso devi spendere dai 50.000 ai 200.000 euro per aprire ed avere i primi clienti, nel secondo bastano poche migliaia di euro per pubblicare un sito, ma i clienti arriveranno (forse) dopo qualche mese.

Dove trovare indirizzo email uomini importanti aziende imprenditori

Hai un’azienda? Ecco dove trovare i contatti delle persone di cui hai bisogno

Se stai leggendo questo post è perchè hai avviato da poco la tua impresa, hai un prodotto - servizio che stai già vendendo o pronto per il mercato ed hai la necessità di contattare potenziali clienti o partner in grado di aiutare la crescita della tua attività.

Dopo aver individuato l'azienda o l'ente pubblico da contattare, il passo successivo è quello di trovare l'indirizzo email o il numero di telefono della persona giusta. La tipica domanda che ti sarai sicuramente posto è: dove trovo i contatti delle persone di cui ho bisogno?

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi sulla tua email le novità dal mondo del Turismo e dei Beni Culturali