Senza categoria

Smartphone e realtà aumentata: ecco cosa abbiamo fatto nel parco archeologico di Iuvanum

Le potenzialità delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione offrono al settore dei beni culturali innovativi modelli di fruizione e gestione integrata, in grado di stimolare l’interesse degli utenti e di favorire un’adeguata valorizzazione del patrimonio culturale. Se ne sono accorti da qualche mese gli enti pubblici e privati che operano nel settore di riferimento, avvertendo l’esigenza di utilizzare i dispositivi mobili per supportare i turisti durante la visita dei Siti Archeologici.

Vi propongo il progetto “Iuvanum in Realtà Aumentata – Guida turistica multimediale” che ho sviluppato insieme all’Ing. Stefano Vena.

L’obiettivo del lavoro è stato quello di realizzare uno strumento di realtà aumentata in grado di supportare i visitatori all’interno del parco archeologico di Iuvanum. L’importanza delle ricostruzioni virtuali dei beni culturali assume una maggiore rilevanza quando i modelli 3D sono visivamente associati al contesto reale . Da questo presupposto è nata l’idea di sviluppare un sistema di navigazione virtuale che faccia uso della tecnologia GPS. L’utilizzo di un dispositivo mobile con rilevatore GPS integrato consente ai fruitori dei parchi archeologici di ottenere informazioni reali e virtuali in maniera integrata, in base alla loro posizione all’interno di un sistema di riferimento assoluto e globale. Il valore aggiunto del sistema consiste dunque nella capacità di non separare il reale dal virtuale e di arricchire l’esplorazione degli ambienti con dati addizionali: l’utente munito di smartphone trovandosi in prossimità di una zona caratterizzata dalla presenza di un reperto archeologico, visualizzerà sul display la ricostruzione virtuale dell’oggetto (modello 3D) che rappresenta lo stato originario del reperto e potrà leggere o ascoltare le informazioni relative alla sua storia.

Il progetto è stato inserito nel testo “Valorizzazione e gestione integrata del patrimonio archeologico” (pag. 187), pubblicato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT) in occasione della XIV Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico.

Se vuoi saperne di più scrivi a info@giuseppenaccarato.com

Potrebbero interessarti anche
ViaggiArt
ANSA e ViaggiArt insieme per promuovere il territorio