Opinioni

Le destinazioni turistiche e l’alibi dei trasporti

Le destinazioni turistiche e l'alibi dei trasporti

Tre sono le frasi che ricordo da bambino. “Cambiati la canottiera perché sei sudato“, “viviamo in un Paese ricco di potenzialità nel settore del turismo“, “in Calabria il turismo non decolla perché mancano i trasporti“. A 18 anni ho smesso di cambiarmi la canottiera dopo le partite di pallavolo in piazza. A 32 ho iniziato a non credere più alle fesserie sul turismo.

L’autostrada A3 Salerno – Reggio Calabria è da sempre l’alibi perfetto. I numeri sono bassi? Colpa dell’A3. Le fiere in giro per l’Europa non generano i flussi previsti? Colpa dell’A3.

Adesso che i lavori volgono al termine e l’A3 è la migliore strada del sud Italia, quale sarà il nuovo alibi?

L’ISTAT ci dice che nel 2015 il 65% dei turisti in vacanza ha scelto l’auto come mezzo di trasporto, il 13,3% l’aereo e il 9,2% il treno.

Viaggi per tipologia e per mezzo di trasporto (2014 e 2015). Fonte: ISTAT

Figura 1. Viaggi in Italia per tipologia e per mezzo di trasporto (2014 e 2015). Fonte: ISTAT

Chi non ha la possibilità di muoversi oltre i confini regionali è convinto che in Puglia, Sicilia e Basilicata ci siano decine di aeroporti, autostrade efficientissime, treni ad alta velocità. E’ convinto che Matera abbia una stazione dei treni e si raggiunga facilmente da ogni dove.

A giugno dello scorso anno sono andato a Matera per lavoro. Ero senza macchina. Ho preso un treno a Castiglione Cosentino alle 6 del mattino per raggiungere Sibari dopo circa 1 ora. Alle 7.20 ho preso un autobus fino a Metaponto (arrivo alle 8.50) e poi una navetta (privata) fino a Matera. Ho speso 60 euro e viaggiato per 4 ore e 30 minuti.

Matera è la Capitale Europea della Cultura 2019. Le presenze sono in crescita esponenziale.

Matera ci insegna che la creazione di una destinazione turistica è un processo che richiede contenuti, servizi primari dell’accoglienza, “consapevolezza della comunità” e attrattori culturali. E’ con questi elementi che si vince su e contro tutto.

Potrebbero interessarti anche
E se tra il turismo e il Coronavirus ci mettessimo la Calabria?
Eccellenze turistiche? Milano, Expo e… il “caso Dublino”