Opinioni

Calabria, un mare di semplicità

Facciamo una fatica enorme ad accettare che il mare rappresenta l’attrattore turistico più importante della Calabria. Eppure dovrebbe essere un fatto normale per una regione che conta cinque parchi marini e 800 chilometri di costa.

Analizzando i dati ISTAT del 2016 relativi ai Comuni della Calabria, emergono alcuni aspetti importanti. Partiamo dal primo. Il 79% dei turisti ha scelto le località sul mare. Parliamo di 1.262.037 persone su un totale di 1.603.012. Andiamo al secondo. Sono stati registrati 8.512.415 pernottamenti complessivi in Calabria: l’87% è relativo a strutture ricettive presenti nei comuni della costa.

Ecco perchè diventa prioritario evitare distrazioni, inseguendo paroloni in inglese che allontanano dalla concretezza, e investire prima di tutto nella cura e nella pulizia della nostra risorsa naturale più importante: il mare.

Il turismo poggia su una base solida: la semplicità. E probabilmente l’abbiamo dimenticato. Dobbiamo fermarci un attimo. Abbiamo la necessità di riflettere su “chi siamo” e “che cosa” possiamo offrire meglio degli altri.

Perchè un turista deve scegliere la Calabria e non la Puglia? O la Sicilia? O l’Albania? O la Grecia? Partiamo da qui, da queste domande. E proviamo a rispondere. Senza ricette, che non servono a nulla, come ho già scritto nel pezzo Turismo, perché l’unica ricetta possibile si chiama empowerment.

Potrebbero interessarti anche
Perchè alle StartUp preferiamo la porchetta
The Floating Piers. Quando un’opera d’arte muove mezzo milione di turisti in 16 giorni